Qual è il raggio del manico di una chitarra elettrica?

Qual è il raggio del manico di una chitarra elettrica?
12 dicembre 2019 Antonio Ceccarelli

"Radius" è una parola inglese che significa raggio in francese. Il “raggio” corrisponde quindi al raggio di un cerchio di cui fa parte la tastiera (la parte del manico su cui i chitarristi appoggiano le dita).

Raggio = Raggio

È un dato di misurazione del manico di una chitarra elettrica. Il raggio non deve essere confuso con il profilo della maniglia. Il profilo è spesso espresso da una lettera che rappresenta una forma (“C”, “D”, “V”) e corrisponde al dorso del manico, che si inserisce nel palmo della mano. Il raggio misura la forma della chiave, su cui il chitarrista appoggia le dita. Questo raggio viene spesso misurato in pollici perché è apparso con le prime chitarre folk negli Stati Uniti. I marchi giapponesi o europei utilizzano il sistema metrico.

Spiegazione in immagini del raggio della chiave

Possiamo vedere chiaramente nell'immagine che la chiave è una porzione della circonferenza di un cerchio il cui diametro è più o meno grande

La differenza di arrotondamento è molto netta tra la maniglia vintage a sinistra e quella moderna a destra.

spiegazione del raggio della tastiera di una chitarra elettrica
Differenza di planarità della chiave a seconda del raggio: a sinistra un raggio vintage, a destra moderno

I diversi raggi di tocco

Esistono numerosi raggi diversi, da circa 7,25 a 20 pollici. Il raggio influisce sul comfort di gioco e, per chi ha la sella regolabile in altezza, influisce anche sulla regolazione del ponte. Ad esempio, la Stratocaster e la Telecaster hanno un ponte con selle regolabili in altezza.

Raggio vintage o raggio moderno?

In generale, maggiore è il raggio, tra 16 e 20 pollici, più moderne sono le nostre chitarre. La tastiera è piatta e permette di suonare velocemente. Il raggio, infatti, così come il profilo, la larghezza e lo spessore, influiscono sul comfort di esecuzione: più basso è il raggio, più arrotondata sarà la tastiera: molto probabilmente ci troveremo su una chitarra vintage.

Dovresti tenere conto del raggio quando cambi il pickup della tua chitarra preferita? La risposta in questo articolo.

Quale raggio per quale chitarra?

Ogni marchio ha le sue preferenze in termini di raggio, a seconda dell'epoca. La Fender, negli anni '50, dotava generalmente le sue chitarre al manico di una tastiera con raggio di 7,25, ovvero circa 184mm, molto rotonda. Questa si è poi evoluta negli anni '60 con una tastiera con raggio di 9,5 (241 mm). Questo raggio della tastiera è ancora oggi ampiamente utilizzato dalla Fender anche se ha una connotazione molto vintage.

I modelli più moderni del marchio Corona sono dotati di tastiere a raggio compensato. Vale a dire variando, ad esempio, da 10 pollici (254 mm) vicino al capotasto, a 14 pollici (355 mm) vicino ai pickup. Gibson, dal canto suo, per parlare solo dei marchi più conosciuti, utilizza il più delle volte un raggio da 12 pollici (304,8mm per la precisione). Questa scelta del marchio Memphis si spiega forse con l'utilizzo di un cosiddetto ponte “Tune-o-matic” o TOM, le cui selle non sono regolabili in altezza. Allo stesso modo, la curvatura del ponte è fissa, impostata sul raggio di 12 pollici utilizzato per la tastiera del manico.

×

Ciao!

Contattami se hai bisogno di aiuto o informazioni :-)

× Come posso aiutarla ?